chi siamo

Siamo un gruppo di persone di varia provenienza professionale, oltre che geografica, operanti in settori contigui come l’editoria, il giornalismo, la promozione sociale e culturale, l’insegnamento, la scrittura creativa…
Raccogliamo l’eredità di FARELIBRIELETTORIINUMBRIA, associazione nata circa due anni fa a Perugia, dove ha organizzato iniziative culturali di una certa risonanza, oltre a svolgere ricerche sull’imprenditorialità e il consumo di cultura in questa regione, con particolare riguardo alla produzione, diffusione e vendita di libri e materiali a stampa.
Magazzino Cultura si avvale anche del supporto e della fondamentale collaborazione di un’altra associazione attiva da parecchi anni in questo stesso territorio, MenteGlocale, che al progetto porta la sua lunga esperienza nel settore della comunicazione, la sua competenza nell’organizzazione e nella promozione culturale.
Ci ha unito e animato il progetto della costruzione del portale nel quale ora state navigando, su cui abbiamo lavorato parecchio prima di realizzarlo e che ora vorremmo continuare a tenere vivo il più a lungo possibile. Dovremo quindi essere bravi ad adattarlo alle novità, agli eventi, agli inevitabili mutamenti esterni, ma anche alle sue crisi di crescita (che ci auguriamo di avere). Inseguiamo anche un altro disegno: affiancare al portale un bimestrale cartaceo capace di raggiungere chi poco frequenta la rete, che pertanto rischieremmo di non incontrare. Se ci riusciremo, sarà una rivista diffusa gratuitamente per tutta l’Umbria e in alcune delle province limitrofe.
Ma un portale, e poi un giornale, per parlare di cosa? E per rivolgerci a chi?
Chiariamo allora che l’ambizione di Magazzino Cultura non è quella di fare da vetrina ai tanti, tantissimi eventi culturali che in Umbria si producono per tutto l’anno. Non ce la faremmo mai, anche volendo, sapendo oltre tutto che la gran parte di queste iniziative un loro spazio, più o memo adeguato, già lo trovano sulla stampa e in rete. Ma non vogliamo neppure parlare di ciò di cui nessuno scrive, fare cioè un’operazione di élite rivolta a un élite di lettori. Il compito che ci siamo dati invece è questo: dare visibilità a tutte quelle manifestazioni che ci sembra possano avviare nuove strade, o che già hanno inaugurato dei percorsi innovativi nella produzione culturale, e specialmente quelle che non dispongono di grandi risorse o appoggi politici, o di tutta la ribalta che secondo noi meritano per il loro coraggio e intelligenza. Le andiamo cercando in giro, in Umbria e attorno all’Umbria, nei cinema e nei teatri, nell’associazionismo culturale e nei musei, nelle biblioteche e tra gli editori, nelle piazze come nelle aule delle scuole e dell’università, insomma nei tanti paesaggi che ci circondano. E ciò non tanto per dare medaglie a questo o a quello, quanto per presentare dei modelli di originalità e di lavoro, degli esempi fecondi del tanto che si può fare, sperando pure che la proposta ragionata di queste iniziative possa accendere un dibattito sui modi in cui la cultura viene prodotta (o si potrebbe meglio produrre) in Umbria, e non solo. Per capirci ancora meglio: ci interessa poco proporre qui l’ennesima bacheca di eventi perché vorremmo piuttosto rappresentare una piazza aperta dove discutere – liberamente, e senza troppa spocchia da addetti ai lavori, senza i fanatismi degli specialisti o le intolleranze dei fans – di arte e cultura, soprattutto di come arte e cultura vengono prodotte e consumate dalle nostre parti, e poi di come cultura e arte producono i loro fruitori, il loro punto di vista sulle cose. Dichiarato il progetto di Magazzino Cultura, ci piacerebbe poi sperare che esso non riguardi solo noi e che dunque il nostro portale e la nostra futura rivista sappiano sollecitare l’interesse e la voglia di collaborazione in quanti hanno a cuore lo sviluppo dell’espressività artistica nel nostro territorio e la diffusione della cultura in genere. Li stiamo già aspettando, in realtà, questi collaboratori, assieme al loro desiderio di darci una mano. Ne abbiamo bisogno, in tutta onestà, affinché questa impresa di pochi possa diventare esperienza di altri, di tanti altri che vogliano condividerla con noi. Contattateci. Fatelo presto. Come fare? Cliccate su “collabora con noi”: lì c’è scritto tutto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: